Votami

siti

sabato 22 ottobre 2016

Il nostro primo LAPBOOK

In occasione della FESTA dei NONNI i bambini hanno creato il loro primo LAPBOOK.
Dopo aver visto un tutorial alla LIM,  a gruppi hanno ideato il progetto, liberando la creatività:
che cosa ci mettiamo? Che cosa scriviamo? Quali materiali utilizziamo?
I prodotti ottenuti, pur non essendo perfetti dal punto di vista della precisione,  non sono affatto male!

Ecco qui i video con le spiegazioni degli autori:





AUTOVALUTAZIONE e RIPASSO ... attivo.

Ogni anno, per l'estate, assegno ai bambini un libriccino di esercizi che sia rispettoso dell'età , del loro bisogno di riposare, di giocare e di leggere. Sono convinta che oliare la macchina sia utile e che un piccolo impegno ogni tanto non faccia del male a nessuno Dopo il consueto circle time di inizio anno, per fare il punto su com'è andata (vedi post COM'E' ANDATA CON I COMPITI) , ho cercato di proporre loro  un passo in più. Ho pensato a una modalità per guidarli a comprendere che l'esercizio svolto non è FINE A SE STESSO, ma ha uno scopo ben preciso. Per permettere loro di verificarlo in prima persona, ho suddiviso la classe in gruppi. All'interno dei gruppi ogni alunno, a turno, ha il compito di correggere una pagina, illustrando agli altri come ha eseguito gli esercizi. I compagni, mediante confronto collettivo, possono concordare o correggere gli eventuali errori. Fino alla fine del libriccino.

Lattività raggiunge un triplice scopo:
- valorizzare il lavoro svolto durante l'estate
- avviare all'autocorrezione
- ripassare gli argomenti dell'anno precedente

Lo stesso è stato fatto con i VERBI:
a coppie un bambino pone la domanda, l'altro risponde e viceversa.
Alla fine ciascuno  autovaluta il  livello di competenza raggiunto sui verbi. Il compagno conferma, precisa o, se o ritiene, modifica il giudizio.

Alla fine arriva la valutazione della maestra .. e sono complimenti per tutti!




venerdì 7 ottobre 2016

In memoria delle vittime dell'immigrazione

Il 3 ottobre è stata celebrata, per la prima volta la Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione, istituita con una legge voluta dal Parlamento e promulgata dal presidente della Repubblica il 21 marzo 2016 con l'auspicio che questa iniziativa faccia prendere coscienza sulla tutela della dignità di ogni persona, sulla giustizia sociale, sulla cooperazione e condivisione dei beni…

Anche noi abbiamo voluto dare il nostro piccolo contributo alla riflessione, pensando al significato del verbo MIGRARE e al diritto che hanno gli uomini, come gli uccelli, di muoversi alla ricerca di luoghi più caldi, più sicuri, più ricchi di cibo . Abbiamo pensato alla storia dell'uomo, alle popolazioni nomadi del paleolitico che vivevano senza una fissa dimora. E siccome stiamo lavorando sulla comunicazione e sulla lettera, abbiamo fatto nostra la lettera di Samir alla sua innamorata, un messaggio che non arriverà mai alla destinataria, perché Samir se l'è portato via il mare ...









: